DUBROVNIK

Dubrovnik
shadow

Dubrovnik

Come il mare mormora eternamente, la pietra viva dura nella sua esistenza, il sole illumina col suo calore la bellezza di questa antica città e delle sue spiagge, così Dubrovnik nasce come eterna sotto la volta celeste e davanti agli occhi dei suoi vecchi conoscenti ed amici che arrivano da tutte le parti del mondo. Dubrovnik, ai piedi del monte Srdj, suo protettore geografico e mitologico, Dubrovnik di un’unica bellezza ed armonia, vive e continua a vivere tutt’oggi la sua storia nel lungo corso dei secoli, estendendosi sulle rocce pietrose ed erte fino all’abbraccio del mare e delle onde. Dubrovnik è una città col cuore aperto, modesta e benevole quando saluta i visitatori che arrivano da tutto il mondo. La città dalle strade strette e muri alti, dalle ampie viste, e dall’orizzonte del mare immenso che le ha aperto tutte le vie nel passato e con la sua straordinaria capacità diplomatica, è stata un luogo di convegno tra l’est e l’ovest, tra il nord e il sud. Ha organizzato il commercio col suo sapere irraggiungibile attraverso le frontiere che sono state barriere insormontabili e contraddizioni di ordinamenti sociali, regni e culture.

Fotogalerija

Oggi è una località nella quale si incontrano turisti, artisti, diplomatici, scienziati ed esperti di varie professioni provenienti da tutti i paesi del mondo. Questa è la nuova Dubrovnik orgogliosa della sua cultura e dell’eredità storica, ma anche ogogliosa del tempo presente e specialmente dei suoi incontri amechevoli con tutti i popoli e cittadini del mondo. Ci sono tanti bei paesi nel mondo ma, i ragusei credono che il loro sia il più bello.

La natura è stata generosa, le ha regalato le bellezze esaltate nelle poesie, il caldo clima del sud, il terso cielo azzurro, i chiarissimi abissi del mare smeraldino e blu scuro, la costa pietrosa, le numerose insenature e baie, le spiagge di sabbia e le erte rocce ornate della più rigogliosa flora mediterranea e subtropicale. Tutto questo costituisce una bellezza mai vista: la bellezza ragusea. La città è baciata dal sole, bagnata dal mare, infiammata dai colori vivi degli orti fioriti, accompagnata dalle sue isole ed isolette sempre verdi.

Più di 250 km di costa coltivata, piena di bellezze contrastanti, si intereccia nella esuberante vegetazione dell’Adriatico meridionale. Negli afosi giorni estivi ci seducono gli odori del mare mescolati con gli eterici profumi di pini, cipressi, allori, ginepri, mirti ed erbe medicinali e fiori. I paesi della ghirlanda perlacea della riviera ragusea si competono nella bellezza: la romantica Isola di Lokrum situata davanti al suo porto antico; l’isola solitaria di Sant’Andrea, custode dell’alto mare; l’isola di Mljet, meravigliosa nelle leggende mitologiche, la fabulosa isola di Korcula (Curzola); Ston con la sua salina e le sue muraglie tanto importanti per la Repubblica; la penisola di Peljesac con le sue bellezze; il litorale raguseo, così roccioso ma anche coltivato. All’est della città troviamo Zupa Dubrovacka e all’ovest la singolare Rijeka Dubrovacka. Cavtat danza con le sue coste, con la ghirlanda delle isolette e la sua storia antica, con Konavle, con l’eredità folcloristica e con la sua costa rocciosa fino al Ponte Ostro all’entrata di Boka Kotorska.